Poesia (241)

277–285 di 285 risultati

Ordina per:
  • img-book

    La nuova raccolta poetica di Carlo Ferrucci.

    , , ,


    Versi pandemici di: Carlo Ferrucci  12,00

    La nuova raccolta poetica di Carlo Ferrucci.

    Acquista
  • img-book

    Il libro, uscito postumo, è un omaggio alla poesia di Maria Letizia De Simone.

    , ,


    Viaggio a Itaca di: Maria Letizia De Simone  14,00

    Il libro, uscito postumo, è un omaggio alla poesia di Maria Letizia De Simone.

    Acquista
  • img-book

    La storia di un cuore spezzato e speziato, parole libere che fanno il verso all’amore. L’amore in tutte le sue sfumature, in tutte le sue declinazioni. Un sentimento che ha origine dalla propria fragile individualità. Sconfina nei meandri del dolore, risorge nel ritorno a se stessi. Si rafforza nello scambio, si consolida nell’unione. Si sublima nella meraviglia e, dopo tanto peregrinare, si consegna a nuove possibilità.

    ,


    Vieni al mondo tutti i giorni di:  13,00

    La storia di un cuore spezzato e speziato, parole libere che fanno il verso all’amore. L’amore in tutte le sue sfumature, in tutte le sue declinazioni. Un sentimento che ha origine dalla propria fragile individualità. Sconfina nei meandri del dolore, risorge nel ritorno a se stessi. Si rafforza nello scambio, si consolida nell’unione. Si sublima nella meraviglia e, dopo tanto peregrinare, si consegna a nuove possibilità.

    Acquista
  • img-book

    Nei Paesi Bassi l’opera poetica di M. Vasalis ha conosciuto a suo tempo, e tuttora conosce, una popolarità senza precedenti. Un’opera letta e riletta da molti, imparata a memoria, decantata, dalla lingua e dalla forma apparentemente semplici; una poesia diretta, libera da costrizioni stilistiche, audace, che coinvolge profondamente lo sguardo, tenta di decodificare l’assurda grammatica delle emozioni e dei sentimenti e penetra prepotentemente nella psiche. Un’opera a lungo inedita in Italia, e ora presentata qui nella sua totalità cronologica, con la curatela e l’ottima traduzione di Patrizia Filia.

    Traduzione di Patrizia Filia

    , , ,


    Valutato 5.00 su 5
    Visioni e volti di: M. Vasalis, Patrizia Filia,  18,00

    Nei Paesi Bassi l’opera poetica di M. Vasalis ha conosciuto a suo tempo, e tuttora conosce, una popolarità senza precedenti. Un’opera letta e riletta da molti, imparata a memoria, decantata, dalla lingua e dalla forma apparentemente semplici; una poesia diretta, libera da costrizioni stilistiche, audace, che coinvolge profondamente lo sguardo, tenta di decodificare l’assurda grammatica delle emozioni e dei sentimenti e penetra prepotentemente nella psiche. Un’opera a lungo inedita in Italia, e ora presentata qui nella sua totalità cronologica, con la curatela e l’ottima traduzione di Patrizia Filia.

    Traduzione di Patrizia Filia

    Acquista
  • img-book

    La nuova raccolta poetica di Sante Diomede.

    ,


    Visuali di: Sante Diomede  10,00

    La nuova raccolta poetica di Sante Diomede.

    Acquista
  • img-book

    Molte poesie di Vita che scorre ribadiscono che il nostro mondo interiore e la connessione con quello esteriore sono ben più vasti e profondi di quanto il nostro stile di vita – che ci induce a girare come criceti su una ruota – ci porti a credere.

    Dalla prefazione di Antonella Sarti Evans

    , ,


    Vita che scorre di: Eleonora Falchi  12,00

    Molte poesie di Vita che scorre ribadiscono che il nostro mondo interiore e la connessione con quello esteriore sono ben più vasti e profondi di quanto il nostro stile di vita – che ci induce a girare come criceti su una ruota – ci porti a credere.

    Dalla prefazione di Antonella Sarti Evans

    Acquista
  • img-book

    In lingua italiana ci sono due espressioni simili e insieme diverse, ma entrambe orientate verso una medesima sfera di significato: “a occhio “ e “a orecchio”. Sono due modi di dire consolidati che, ciascuno a partire dal proprio orizzonte sensoriale, declinano una sorta di “sinestesia” concettuale e fraseologica che allude senza mezzi termini a un orizzonte di precarietà, di soggettività percettiva, di improvvisazione perfino. Si fa qualcosa “a occhio” – per esempio, misurare una distanza o mettere il sale sull’insalata – per indicare l’estrema relatività dell’operazione, un’esperienza condotta in modo estemporaneo, senza alcuna preparazione specifica, senza una qualsiasi istruzione, meno che mai un magistero ad hoc ascoltato e mandato a memoria; tutt’al più un sapere puramente derivato, “orecchiato” appunto, il che ci schiude il territorio altrettanto pericolante della seconda espressione. Sì, perché “a orecchio” si canta e si suona, si allestiscono e ricalcano melodie già sentite, si eseguono spartiti

    complessi senza saper leggere la musica, affidandosi all’istinto e, quando va bene, all’intuito, alla predisposizione naturale. Diciamo, insomma, che “a occhio” e “a orecchio” ci si barcamena, ci si arrabatta negli uffici del quotidiano, nel tempo libero e spesso anche nel mestiere; e a volte anche nel più scabroso dei mestieri, quello di vivere, come ci insegna Pavese. È intorno a questa sghemba modalità dell’esistere, a un sostanziale scacco conoscitivo e a un procedere caracollante sui sentieri della (auto)biografia che ruota questa raccolta poetica di Andrés Neuman, intitolata propriamente Vivir de oído: Vivere a orecchio.

    Traduzione di Matteo Lefèvre

    , ,


    Vivere a orecchio di: Andrés Neuman  12,00

    In lingua italiana ci sono due espressioni simili e insieme diverse, ma entrambe orientate verso una medesima sfera di significato: “a occhio “ e “a orecchio”. Sono due modi di dire consolidati che, ciascuno a partire dal proprio orizzonte sensoriale, declinano una sorta di “sinestesia” concettuale e fraseologica che allude senza mezzi termini a un orizzonte di precarietà, di soggettività percettiva, di improvvisazione perfino. Si fa qualcosa “a occhio” – per esempio, misurare una distanza o mettere il sale sull’insalata – per indicare l’estrema relatività dell’operazione, un’esperienza condotta in modo estemporaneo, senza alcuna preparazione specifica, senza una qualsiasi istruzione, meno che mai un magistero ad hoc ascoltato e mandato a memoria; tutt’al più un sapere puramente derivato, “orecchiato” appunto, il che ci schiude il territorio altrettanto pericolante della seconda espressione. Sì, perché “a orecchio” si canta e si suona, si allestiscono e ricalcano melodie già sentite, si eseguono spartiti

    complessi senza saper leggere la musica, affidandosi all’istinto e, quando va bene, all’intuito, alla predisposizione naturale. Diciamo, insomma, che “a occhio” e “a orecchio” ci si barcamena, ci si arrabatta negli uffici del quotidiano, nel tempo libero e spesso anche nel mestiere; e a volte anche nel più scabroso dei mestieri, quello di vivere, come ci insegna Pavese. È intorno a questa sghemba modalità dell’esistere, a un sostanziale scacco conoscitivo e a un procedere caracollante sui sentieri della (auto)biografia che ruota questa raccolta poetica di Andrés Neuman, intitolata propriamente Vivir de oído: Vivere a orecchio.

    Traduzione di Matteo Lefèvre

    Acquista
  • img-book

    La nuova raccolta poetica di Marco Corsi.

    ,


    Voci senza voce di: Marco Corsi  12,00

    La nuova raccolta poetica di Marco Corsi.

    Acquista
X