Poesia (193)

37–48 di 214 risultati

Ordina per:
  • img-book

    Edizione originale americana: Contraband of Hoopoe, Omnidawn, 2014.

    Traduzione di Anna Aresi.

    A cura di Edoardo Olmi e Andrea Sirotti.

    , ,


    Contrabbando di upupe di: Ewa Chruściel  15,00

    Edizione originale americana: Contraband of Hoopoe, Omnidawn, 2014.

    Traduzione di Anna Aresi.

    A cura di Edoardo Olmi e Andrea Sirotti.

    Acquista
  • img-book

    La nuova raccolta poetica di Gabriele Galloni.

    , ,


    Creatura breve di: Gabriele Galloni  12,00

    La nuova raccolta poetica di Gabriele Galloni.

    Acquista
  • img-book

    Cura e traduzione di Andrea Gazzoni.

    In un paesaggio equatoriale di foreste, fiumi, rocce e regioni costiere, la poesia di Wilson Harris legge e sogna tracce di miti greci e amerindi, memorie di antiche migrazioni, cicatrici di schiavitù ed echi di violenze contemporanee. In un intrico in cui diventa incerto ogni confine, Harris esplora archetipi del bene e del male, della distruzione e della salvezza, articolando in un arazzo di visionarie il ritmo oscuro e luminoso delle vicende umane, il contrappunto di eternità e stagione . Da Ettore «eroe del tempo» che cade da mortale in una Troia trasfigurata in foresta pluviale fino a Odisseo che rifiuta l’immortalità offerta da Calipso cantando la «pietra che si scioglie / in carne», passando per Prometeo che «prigioniero incatenato al cielo» intravede «la marea vuota delle popolazioni della morte o della vita», Da eternità a stagione è una meditazione in versi sul mistero dell’umano.

    ,


    Da eternità a stagione di: Wilson Harris  12,00

    Cura e traduzione di Andrea Gazzoni.

    In un paesaggio equatoriale di foreste, fiumi, rocce e regioni costiere, la poesia di Wilson Harris legge e sogna tracce di miti greci e amerindi, memorie di antiche migrazioni, cicatrici di schiavitù ed echi di violenze contemporanee. In un intrico in cui diventa incerto ogni confine, Harris esplora archetipi del bene e del male, della distruzione e della salvezza, articolando in un arazzo di visionarie il ritmo oscuro e luminoso delle vicende umane, il contrappunto di eternità e stagione . Da Ettore «eroe del tempo» che cade da mortale in una Troia trasfigurata in foresta pluviale fino a Odisseo che rifiuta l’immortalità offerta da Calipso cantando la «pietra che si scioglie / in carne», passando per Prometeo che «prigioniero incatenato al cielo» intravede «la marea vuota delle popolazioni della morte o della vita», Da eternità a stagione è una meditazione in versi sul mistero dell’umano.

    Acquista
  • img-book

    La nuova raccolta poetica di Flaminia Rocca.


    Dalle mie vene a cielo aperto di: Flaminia Rocca  12,00

    La nuova raccolta poetica di Flaminia Rocca.

    Acquista
  • img-book

    Degli horti romani è nella sua essenza ultima un canzoniere d’amore. Ma un canzoniere su cui sovrasta verso dopo verso il pensiero di un’altra dimensione del vivere, enigmatica e intraducibile: è il mondo degli astri e della notte, e degli angeli malinconici che lo abitano, cui l’autrice si appella come a forze protettrici, perché custodiscano il nòcciolo tenero e ferito della sua anima, preservandoci dall’aridità dei tempi: quei tempi cui l’autrice allude esplicitamente in alcuni componimenti (La gente che sembra per bene; Povere Muse) ma che sono l’oggetto costante, quasi sottinteso, della sua attenzione, e che a volte sembrano trovare la loro rappresentazione figurale nell’immagine biblica del «serpe». Perché Natalia crede nella poesia: e si vede, e lo dice.

    Dalla Prefazione di G. Pontiggia

    , ,


    Degli horti romani di: Natalia Stepanova  14,00

    Degli horti romani è nella sua essenza ultima un canzoniere d’amore. Ma un canzoniere su cui sovrasta verso dopo verso il pensiero di un’altra dimensione del vivere, enigmatica e intraducibile: è il mondo degli astri e della notte, e degli angeli malinconici che lo abitano, cui l’autrice si appella come a forze protettrici, perché custodiscano il nòcciolo tenero e ferito della sua anima, preservandoci dall’aridità dei tempi: quei tempi cui l’autrice allude esplicitamente in alcuni componimenti (La gente che sembra per bene; Povere Muse) ma che sono l’oggetto costante, quasi sottinteso, della sua attenzione, e che a volte sembrano trovare la loro rappresentazione figurale nell’immagine biblica del «serpe». Perché Natalia crede nella poesia: e si vede, e lo dice.

    Dalla Prefazione di G. Pontiggia

    Acquista
  • img-book

    L’ultima raccolta poetica di Miro Gabriele.

    ,


    Dentro lo sguardo di: Miro Gabriele  12,00

    L’ultima raccolta poetica di Miro Gabriele.

    Acquista
  • img-book

    La nuova raccolta poetica di Riccardo Sanna.

    ,


    Valutato 5.00 su 5
    Dipingerò di te la terra di: Riccardo Sanna  12,00

    La nuova raccolta poetica di Riccardo Sanna.

    Acquista
X