• img-book

    Subhaga Gaetano Failla

ISBN: 978-88-6881-286-7

La casa sul molo di Nantucket

di: Subhaga Gaetano Failla
Valutato 5.00 su 5 su base di 2 recensioni
(2 recensioni dei clienti)

Sfogliando le pagine della raccolta, ci immergiamo tra le meraviglie e i profumi delle terre siciliane, per ritrovarci poi a vagare nello spazio o nei luoghi indefiniti del sogno. Ci lasciamo travolgere dalla nostalgia per un passato incantevole e poi ci ritroviamo in un futuro spaventoso, in cui le forze dell’ordine inseguono e arrestano coloro che sono ancora in grado di provare emozioni, che in questa nuova visione del mondo rappresentano il rischio di distruzione del genere umano. Abbandonandosi spesso a toni poetici e spaziando tra continui riferimenti letterari e filosofici, si snodano i trentacinque racconti di una raccolta, il cui stesso titolo è un omaggio a un capolavoro letterario quale Moby Dick.

 16,00

Quantità:
L’autore
avatar-author

È nato a Scalea (1955) e vive a Follonica, in provincia di Grosseto. Insegnante, attualmente collabora con i blog di Fara Editore e con la rivista «La Masnada». Ha pubblicato diversi libri di narrativa, poesia e saggistica, alcuni dei quali tradotti in altre lingue.

libri di Subhaga Gaetano Failla
A proposito di questo libro

  1. Sergio Bonato

    Valutato 5 su 5

    Una scrittura poetica, avvolgente e coinvolgente, racconti surreali ma anche realistici, flussi di coscienza e di ricordi, un libro che sorprende e affascina, tenendo il lettore sepre in tensione per la densità dei contenuti.

  2. Battista Trapuzzano

    Valutato 5 su 5

    La casa sul molo di Nantuckt è un libro sapiente. Subhaga Gaetano Failla usa la scrittura come passepartout per entrare da clandestino nella realtà. Un visionario che scrive con precisione i dialoghi letterari servendosene anche per raccontare favole e inventarsi l’unica vita possibile in un mondo senza poesia.

    Questi racconti sono tutti da leggere e rileggere per conquistare tenerezza e ritrovare quella nostra immaginazione dimenticata altrove, forse dentro la realtà che avvilisce e spaventa.